FAQ

Dove nascono le apparecchiature Novaestetyc?

Il percorso che sfocia nella nascita di ogni nostra nuova tecnologia parte dal nostro reparto R&D, che stende il progetto hardware e software. I nostri ingegneri, i tecnici, i designer e il Comitato Scientifico collaboreranno fino a mettere la produzione nelle condizioni di realizzare il primo prototipo. Dopo che questo avrà superato tutte le prove di efficacia, sicurezza e i trials clinici ne verrà avviata la produzione, anche questa gestita completamente all’interno dell’Azienda, dalla creazione delle schede delle apparecchiature, fino alla struttura esterna, passando per i cablaggi.

La nostra produzione è conforme alle normative ISO 9001 e ISO 13485.

Quante sedute sono necessarie?

Normalmente, i trattamenti con le tecnologie Novaestetyc si effettuano 1 o 2 volte a settimana per un ciclo medio di 10 sedute.

L’effettiva durata del protocollo si definisce di volta in volta in base alle specifiche esigenze del cliente e al tipo di tecnologia utilizzata.

Salvo in casi specifici, si possono sfruttare i benefici della sinergia fra diverse tecnologie e fra queste e i trattamenti cosmetologici.

Un discorso a parte merita la fotoepilazione: il pelo si distrugge quando è nella sua fase Anagen, ossia saldamente collegato al suo follicolo e particolarmente ricco di melanina.

Normalmente, in una data area, circa il 15% dei peli visibili si trovano in questa fase e il loro ciclo vitale si rinnova ogni 3/4 settimane, ecco perché sono necessarie in media 8/10 sedute.

Secondo la metodica Novaestetyc, i primi trattamenti si eseguono ogni 4/5 settimane e successivamente sempre più di rado, fino a ripeterle ogni 2/3 mesi.

I trattamenti di fotoepilazione del viso necessitano invece di maggiore frequenza e si suggeriscono ogni 2-3 settimane.

Il trattamento è doloroso?

Uno dei cardini della filosofia Novaestetyc, insieme all’efficacia e alla sicurezza, è la confortevolezza. Le tecnologie proprietarie che sono a bordo delle nostre apparecchiature sono state progettate e sviluppate per rispettare questi 3 principi.

Pertanto, tutti i nostri trattamenti sono gradevoli da ricevere, spesso anche particolarmente rilassanti, qualsiasi sia la tecnologia Novaestetyc che si usa.

La depilazione è veramente definitiva?

La depilazione non è definitiva né permanente: si tratta semplicemente di Decapitare il fusto del pelo, per vederlo rispuntare dopo qualche giorno.

La Fotoepilazione è invece un trattamento progressivamente permanente che tende ad ottenere uno sfoltimento medio dell’80/85% dei peli.

I risultati vengono raggiunti di norma in 6/10 sedute effettuate da un operatore esperto e capace, che usa apparecchiature efficaci e in corretta manutenzione.

I peli distrutti non ricresceranno, ma potranno nascerne di nuovi da follicoli fino a quel momento silenti, soprattutto in soggetti con assetti ormonali non stabili (pubertà, menopausa, condizioni patologiche o farmaco-indotte).

È per questo che risultano utili 1-2 trattamenti di mantenimento all’anno.

Si può fare la ceretta tra una seduta e l'altra?

Le metodiche adottate e proposte dalle Aziende fornitrici di tecnologie spesso differiscono anche profondamente fra loro.

Il metodo Novaestetyc muove dal concetto base che con la ceretta si estirpa il pelo dal follicolo e, senza il pelo che funge da conduttore di calore fino al follicolo, il trattamento di fotoepilazione risulterà inefficace, perché,se non distruggiamo il follicolo, questo continuerà a produrre nuovi peli.

Quindi la preparazione della cute al trattamento prevede la decapitazione dei peli, non la loro rimozione.

Centro Medico vs Centro Estetico: chi scegliere?

Un Medico Estetico è un Medico. Un/a Estetista si occupa della cute, in modo approfondito, da sempre. Entrambe le categorie, indipendentemente dalla loro preparazione, devono frequentare specifici corsi di formazione per l’utilizzo delle tecnologie.

La differenza la fanno:

la qualità dello strumento;

l’esperienza dell’operatore.

Pagamento a pacchetto o una seduta per volta?

Pagando volta per volta, il cliente si sente mediamente libero, poco vincolato al programma di lavoro. Il rischio principale è che il protocollo non venga portato a termine adeguatamente, a scapito dei risultati, generando così l’insoddisfazione di tutte le figure coinvolte

Il pacchetto di trattamenti dà maggiore sicurezza che il protocollo venga seguito fino in fondo, tutelando quindi i risultati, e assicura, nella maggior parte dei casi, al cliente un prezzo promozionale

Prezzi stracciati?

Il mercato è intasato di proposte a prezzi scontatissimi, ma un vero professionista non si svenderebbe mai! E non andrebbe sottovalutato che si sta parlando di:

trattamenti che vengono fatti sulla pelle;

  • apparecchiature che devono avere caratteristiche di efficacia e sicurezza, nonché la manutenzione necessaria, il che corrisponde a prezzi e costi non banali;
  • operatori adeguatamente formati, aggiornati, esperti.

Infine, ultimamente molte offerte partono da listini gonfiati o da banali specchietti per le allodole ed il prezzo finale “scontatissimo”, se paragonato con offerte normali, non è poi così conveniente.

Quali sono le controindicazioni all’uso di tecnologie?

Le principali e trasversalmente valide sono:

  • gravidanza;
  • malattie oncologiche;
  • gravi insufficienze/patologie a carico dei principali organi;
  • dermatosi, dermatiti, infezioni cutanee sulle aree di trattamento;
  • patologie autoimmuni;
  • depressione del sistema immunitario;
  • ridotta sensibilità al calore o ad altri stimoli ricevuti sulla cute.

Ogni tecnologia può presentare delle controindicazioni aggiuntive specifiche.

Particolare attenzione andrà riservata anche ai farmaci eventualmente assunti in costanza di trattamento.